loader
demo
Torna agli articoli

La Pubblicità e L'Agenzia Pubblicitaria

COSA CAMBIA TRA LA NEW YORK DI MAD MEN E NOI IN PIAZZA RISORGIMENTO A GALLARATE?

Vita da agenzia



Pubblicità è una parola spesso odiata, sinonimo di “fastidio” (la maledetta “interruzione pubblicitaria”!).
Eppure c’è una cosa strettamente collegata alla pubblicità che invece è molto amata…l’agenzia pubblicitaria!
Dicesi agenzia pubblicitaria l’insieme di professionisti che operano per lo studio, la progettazione e la realizzazione di una “Campagna Pubblicitaria”.
L’agenzia pubblicitaria è protagonista indiscussa di molti film (ad esempio What Women Want con Mel Gibson) e di molte serie (una su tutte Mad Men, telefilm ormai di culto con protagonista l’affascinante direttore creativo Don Draper).

Cosa c’è di vero di quel che vediamo nel piccolo schermo? 
Comunicazione & Immagine è un’agenzia pubblicitaria di Gallarate - una tra le più storiche coi suoi 25 anni di esperienza! - costituita dai classici reparti: studio fotografico, l’ufficio dei copywriters, il reparto grafico, gli uffici commerciali e il reparto web (quest’ultimo ovviamente il nostro caro Don Draper non poteva certo frequentarlo, in quanto la serie è ambientata negli anni ’60!). 
Tra queste stanze del centro di Gallarate le nostre varie figure professionali lavorano in un team affiatato per servire i più disparati clienti del varesotto. Come si lavora? A noi piace citare un bellissimo scritto di David Ogilvy, che ha fatto la storia della pubblicità (non quella cinematografica, quella vera!):

“Si pensa comunemente che la pubblicità attiri persone nevrotiche che hanno una propensione naturale per l'ansietà. Non credo che sia così. Ciò che accade nelle agenzie può indurre ansia anche nelle persone più flemmatiche!

Il copywriter vive con la paura. Avrà una grande idea entro martedì mattina? Il cliente la accetterà? Andrà bene nelle ricerche? Venderà il prodotto? Non mi sono mai seduto a scrivere un annuncio senza pensare “questa volta non ce la farò”.

Anche l'account executive ha i suoi motivi di ansietà. Rappresenta l'agenzia dal cliente, e il cliente nell'agenzia. Quando l'agenzia sbaglia, il cliente dà la colpa a lui. Quando il cliente è intrattabile, l'agenzia dà la colpa a lui.

Anche il capo dell'agenzia ha le sue preoccupazioni. Perderemo il cliente tal-dei-tali? Ci lascerà uno dei nostri migliori collaboratori? Farò un fiasco nella presentazione di giovedì prossimo al nuovo cliente?”

 

Chi si rivolge ad un’agenzia pubblicitaria di Gallarate?
Con la pubblicità le società sono in cerca di una sola cosa: creare molteplici contatti per raggiungere i propri obiettivi commerciali e di marketing. Con la comunicazione pubblicitaria le aziende diffondono messaggi verso il proprio target attraverso i mezzi più idonei, dalla brochure alla pagina Facebook. Come si fa a creare questi contatti? Il brief tra il nostro personale e chi cura il marketing della società cliente è il primo passo verso la preparazione di una buona campagna pubblicitaria. In realtà non esiste una regola su com’è fatto all’atto pratico un brief (forse ogni agenzia pubblicitaria ha i propri modi di porsi), in ogni caso un brief sarà misurato alla complessità della campagna pubblicitaria che si intende realizzare e all’entità dello stanziamento previsto.
Perciò il brief (ovvero la strategia da seguire) contiene le coordinate entro le quali dovranno muoversi i creativi dell’agenzia per l’ideazione della pubblicità vera e propria. 

Cosa succede dopo il brief? 
Non è che possiamo svelarvi tutti i segreti del mestiere :)
Possiamo dirvi però che nel reparto creativo operano insieme i copywriters (che si occupano dei testi) e grafici (che si occupano delle immagini e dell’impaginazione). Queste due figure lavorando insieme vedono la realizzazione da due punti di vista differenti, ciascuno porta il suo contributo in base alle sue competenze professionali. Nella nostra agenzia pubblicitaria (forse perché siamo a Gallarate, che comunque è una realtà di provincia) i ruoli sono complementari e spesso non sono così definiti. Spesso il copywriter contribuisce alla cura degli aspetti estetici così come il grafico potrebbe contribuire alla cura dei contenuti.

Fatto un primo step di lavoro le idee ritenute valide - realizzate in questa fase sotto forma di bozze - sono presentate al team completo dell’agenzia, perché ogni figura professionale presente nei vari reparti possa contribuire allo sviluppo creativo!
Dopo questo momento usciranno le idee selezionate per essere presentate dall’account al cliente.
E poi? Poi…buona fortuna!